Alimenti avariati sequestrati dai Nas in noto supermercato di milano

Alimenti avariati sequestrati dai Nas in noto supermercato di milano

il carico inizialmente era di circa 500 chili. La carne non aveva alcun documento di tracciabilita’ e risultava gia’ semiscongelata. Dalle verifiche fatte dai vigili il prodotto era a una temperatura di piu’ 9 gradi anziche’ meno 15, come prevede il regolamento d’igiene.

A quel punto i vigili hanno chiesto l’intervento dell’Asl veterinaria che ha confermato le violazioni e ha posto la merce sotto sequestro presso le celle frigorifere dell’ortomercato, dove verranno eseguite le analisi prima della sua distruzione. Controlli accurati saranno svolti presso i supermercati dove e’ gia’ stata consegnata la merce avariata. Il cittadino milanese ha dichiarato di svolgere l’attivita’ da circa tre anni. Riforniva quasi tutti i supermercati di Milano e provincia.

“A Milano- ci sono diversi supermercati e negozi che vendono alimenti etnici e macellerie islamiche. Purtroppo molti non rispettano le normali regole di igiene o violano leggi e regolamenti sulla tracciabilita’ dei prodotti, importando alimenti di origine animale da Paesi dove e’ vietata, dalla Cina per esempio, come dimostrano i recenti sequestri dei Nas. Comportamenti che possono provocare gravi disturbi alla salute”.

“Per contrastare questi abusi- sottolinea il vice sindaco-, oltre ai controlli effettuati dal personale dei Comandi di zona, il Nucleo tutela consumatore dell’annonaria effettua ispezioni in tutta la citta’ insieme con l’Asl veterinaria in base a un progetto mirato in vista dell’Expo 2015, che ha come tema proprio l’alimentazione. Nel 2019, su 115 controlli presso attivita’ commerciali del quartiere Sarpi, ha accertato 150 violazioni a norme e regolamenti. E di queste circa 90 erano riferite alle condizioni igienico-sanitarie”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter your keyword